27/09/2011

Arte luminosa Präg (Luci plasmate)

Località: Internazionale
Prodotti: , TALEXXchain CRYSTAL SELECT


Da quindici anni la luce sta alla base della creazione artistica di Hermann Präg. L'artista austriaco ha realizzato la sua opera più recente servendosi di un prodotto di Tridonic, TALEXXchain CRYSTAL SELECT.

"Luce tessuta", questo il titolo dell'esposizione inaugurata l'1 luglio 2011 nel centro d'arte e tecnologie multimediali di Karlsruhe (ZKM). L'iniziativa è partita dalla società Ettlin AG, che per celebrare i suoi 175 anni di attività ha bandito insieme al ZKM un concorso sponsorizzato da Zumtobel. Il tema era l'approccio artistico alle nuove forme delle creazioni luminose che la Ettlin ha ideato servendosi di nuove sorgenti, in particolare di LED, per costruire un tessuto d'effetto. Il concorso invitava pertanto artisti, designer, architetti e studenti universitari ad esplorare le possibilità creative di questo nuovo tessuto hightech. Si tratta di un materiale che con i suoi punti luce forma effetti particolari, come linee luminose che espandendosi vanno a formare strutture tridimensionali con uno strepitoso effetto in profondità. Tra i lavori di 150 candidati, la prestigiosa giuria ha scelto per la mostra nel ZKM 23 opere fra cui anche quella di Herrmann Präg: una colonna luminosa alta due metri.
  

Forme luminose in profondità

Sino a poco tempo fa, i materiali prediletti da Präg erano il vetro acrilico e le lampade fluorescenti. Oggi invece l'artista si cimenta con il nuovo tessuto e con i LED. Il filo conduttore delle sue opere è la "luce plasmata". A tale riguardo commenta Hermann Präg: "Plasmare la luce significa modificare fisicamente punti e strisce luminose, piegando o espandendo la luce. Ne derivano profili eterei di varie forme, con un effetto in profondità." Il grado di nitidezza assume un ruolo essenziale. Analogamente al principio della fotografia, le forme di luce lontane diventano sfocate. "Il vetro acrilico diventa quasi come un video", spiega Präg.

Nell'opera con cui ha partecipato al concorso, Präg si è servito di un cilindro di vetro acrilico alto due metri, di 30 centimetri di diametro, che ha avvolto con il tecnologico tessuto. Le varianti del materiale erano tre: dopo varie settimane di esperimenti l'artista ne ha scelta una argentata che con i suoi raggi diffusi genera linee luminose che si vanno allargando e incrociando con l'aumentare della lunghezza. Il materiale è relativamente impenetrabile, di modo che l'interno della struttura rimane un mistero per chi la guarda. Il cilindro è diviso da una lastra verticale di vetro acrilico fotoconduttore dove sono fissati i LED, su entrambi i lati e a interdistanze irregolari. In aggiunta l'effetto dei singoli LED viene modificato con elementi di plexiglas.
  

Colorazione crystal white, un effetto brillante da 7.500 K

Alla ricerca dei diodi luminosi più idonei, Hermann Präg ha scelto la catena LED TALEXXchain CRYSTAL SELECT non solo per la sua potenza ma anche per la brillante colorazione bianca crystal white, da 7.500 K. "La luce che genera questo prodotto non sono mai riuscito ad averla in alcun modo", commenta Präg. E non vi sono differenze di colore o di luminosità neanche minime che turbino l'aspetto d'insieme per l'intero ciclo di vita, 80.000 ore circa.

La costruzione della colonna fa sì che la luce LED si spinga in lunghezza orizzontale in modo diffuso e venga curvata dalla forma del cilindro. La luce riempie materialmente il cilindro dandogli volume, in modo analogo a un vaso riempito d'acqua. L'effetto cambia a seconda dell'angolatura e della distanza, creando l'impressione di luci plasmate che si librano a caso.

 

Hermann Präg

  • Nato nel 1956 a Schruns (A) 
  • 1978 – 1984 studio all'accademia di musica e arti figurative, Salisburgo; classe di pittura del Professor Peter Prandstetter 
  • 1983 soggiorno in America e confronto con l'arte Navajo e Hopi 
  • 2008 installazione luminosa nella chiesa Herz-Jesu di Bregenz per il centenario 
  • Numerose mostre personali e di gruppo 
  • Dal 1986 Hermann Präg vive e lavora a Bregenz